Premio Terra di Semifonte

Nella terra di Semifonte sostenere le fragilità e agire per il bene della collettività attraverso l’integrazione, la cultura e la promozione turistica è una vocazione da premiare. Il Comune di Barberino Val d’Elsa il 9 aprile 2017 ha fatto salire sul palcoscenico dell’impegno civico le associazioni Auser Volontariato Insieme Tavarnelle e Barberino, Ci Incontriamo e la Compagnia di Monsanto. Sono le tre realtà che da anni operano a favore delle famiglie di Barberino e Tavarnelle selezionate e riconosciute nell’ambito del Premio Terra di Semifonte 2017.
PremioterradiSemifonte-20170411-095439

La Compagnia di Monsanto ha ricevuto il riconoscimento dal consigliere comunale e membro della commissione del premio Emanuele Sbaragli. “Il lavoro svolto negli anni dall’associazione – ha concluso il consigliere comunale – in ambito culturale, educativo, ambientale e di promozione territoriale ha portato al coinvolgimento dei giovani in attività teatrali mantenendo vive le tradizioni del vernacolo fiorentino”. Di successo le iniziative corali “La Gastronomarcia” e l’evento “Calici d’arte” che hanno permesso di accentuare le risorse paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche del territorio chiantigiano e valdelsano.

Leggi questo articolo su Gonews: http://www.gonews.it/2017/04/10/premio-terra-semifonte-tre-associazioni-virtuose-premiate-impegno-civico/

e sul Gazzettino del Chianti http://www.gazzettinodelchianti.it/articoli/approfondimenti/16336/notizie-su-barberino-val-d-elsa/conferimento-premio-semifonte.php#.WPOAFaIlHct

ANDIAMO IN TOURNEE !

monsantissima-a5

Monsantissima è uno spettacolo di varietà dal sapore retrò, un tuffo indietro nel tempo dove il palinsesto televisivo era pieno di musica, balletti e sketch divertentissimi. Un varietà condotto da grandi nomi: Corrado, Mina, Raffaella Carrà, Mike passando per la simpatia di Sandra e Raimondo. Monsantissima prende il nome da Canzonissima e si ispira ai format di Studio Uno, Milleluci,  un varietà messo in scena da la Compagnia di Monsanto che promette di far passare al pubblico due ore spensierate e divertenti, strizzando l’occhio alla tecnologia e a quei video che hanno contraddistinto la Compagnia per fare di questo spettacolo un varietà 2.0.